Norvegia

Norvegia

Guida turistica online sulla Norvegia, la terra dei Fiordi
La Norvegia è un paese meraviglioso, dove la natura la fa da padrone. Fiordi, aurora boreale, città moderne, in un mix unico di tradizioni e innovazioni.

La Norvegia è un sogno che non ti aspetti: un paese che fa della natura il suo punto di forza, ma che vive anche di tradizioni radicate in millenni di storia, mantenendo sempre uno sguardo rivolto verso il futuro. Uno dei paesi più ricchi al mondo, con una qualità di vita al top nelle classifiche pubblicate anno dopo anno, e soprattutto facilissima da girare in autonomia, grazie all’abbondanza di mezzi pubblici, aeroporti e attrazioni a misura di turista.

Crociera nei fiordi, viaggio on the road fino a Capo Nord, le Lofoten, escursione per vedere le balene o semplicemente un weekend di relax a Oslo: sono tanti i viaggi diversi che si possono fare in Norvegia, come sono tante, anzi tantissime, le cose da fare e da vedere. Vi aiuteremo a pianificare bene il viaggio, perchè le distanze sono enormi e le strade mai troppo rapide, vista la particolarissima geografia del paese. Basti sapere che per percorrere la Norvegia da sud a nord ci vogliono più di 24 ore, deviazioni escluse!

Dove si trova la Norvegia

La Norvegia è parte della penisola scandinava, e confina con Svezia, Finlandia e con l’oblast russo di Murmansk. La sua costa occidentale si affaccia sull’Oceano Atlantico, mentre il piccolo tratto di costa meridionale, dove si trova la capitale Oslo, si affaccia sul Mare del Nord, fronteggiando Danimarca e Gran Bretagna. Della Norvegia fanno parte anche le isole Svalbard, uno dei territori più a nord del mondo.

Da notare che la Norvegia non fa parte dell’Unione Europea, sebbene abbia aderito al trattato di Schengen sulla libertà di movimento dei cittadini.

Quando andare in Norvegia

Il Preikestolen, belvedere a strapiombo sul Lysefjord

In Norvegia ci si deve andare almeno due volte: una d’estate, per vedere la natura ai suoi massimi livelli e il sole di mezzanotte, e una d’inverno, per godersi lo spettacolo dell’aurora boreale. Certamente l’estate è il periodo più favorevole dal punto di vista climatico, le giornate sono lunghissime e le temperature piacevoli e mai troppo calde, l’ideale per trascorrere tutta la giornata fuori in escursione.

D’inverno invece le temperature sono rigide, non mancano le nevicate e le bufere, ma la magia di questa stagione è unica, specialmente a queste latitudini quando, con un pizzico di fortuna, alzando gli occhi al cielo in una notte limpida potrete vedere la magica aurora boreale danzare sopra di voi. Ma non dev’essere lo scopo primario del vostro viaggio, dato che in Norvegia le cose da vedere sono tantissime: considerate l’aurora boreale come un qualcosa di extra, che non è scontato vedere, e se non ci riuscite avrete un’occasione per tornarci.

Primavera e autunno sono infine due stagioni ibride, in cui la probabilità di trovare un buon meteo è la stessa di trovare pioggia, vento o neve. Se preferite il sole e le belle giornate scegliete di viaggiare in aprile, maggio o settembre, in modo da avere tante ore di luce e temperature più miti, mentre scegliendo marzo, ottobre o novembre avrete una discreta probabilità di avvistare l’aurora boreale.

Cosa vedere in Norvegia

Visitare la Norvegia in poco tempo è un compito arduo, data l’enorme estensione del paese da nord a sud e la moltitudine di cose da vedere in mezzo. Conviene rimanere in una zona sola, o pianificare un itinerario ben fatto sfruttando magari qualche volo interno.

Ad ogni modo, non perdetevi la visita di uno o più fiordi, veri e propri cavalli di battaglia del paese, e cercate di mettere nel vostro piano di viaggio qualche giorno di relax in una città come Oslo o Bergen: ammirerete architettura tradizionale scandinava a fianco di moderni edifici dove il design la fa da padrone, ed entrerete a contatto con la cultura norvegese della quale vi innamorerete in un batter d’occhio.

Fiordi

Splendido panorama delle Lofoten

Tra le tante meraviglie naturali della Norvegia, i fiordi occupano sicuramente una delle prime posizioni. Tecnicamente, un fiordo è un braccio di mare che entra nella terraferma per chilometri, dando l’illusione a chi lo percorre di essere nel mezzo di un lago alpino. Le coste dei fiordi spesso sono ripide e scoscese, altre volte con dolci colline sulle quali si trovano remoti villaggi che sembrano essere usciti da una fiaba.

I fiordi norvegesi si trovano quasi tutti lungo la costa atlantica del paese, eccezion fatta per il grande Oslofjord, il fiordo al termine del quale si trova la capitale Oslo, situato sulla costa sud. Tra i fiordi più famosi da visitare, costeggiandone la strada in auto o percorrendoli dal mare a bordo di una nave da crociera o di un traghetto, segnaliamo il Sognefjord, il Geirangerfjord, il Nordfjord e il Nærøyfjord.

 

Aurora boreale

L’aurora boreale alle Svalbard

L’aurora boreale è un fenomeno che si verifica a latitudini elevate a causa degli intensi venti solari. Lasciando da parte le spiegazioni scientifiche, ciò che resta di fatto è un’incredibile meraviglia della natura, che si può osservare a occhio nudo quando il cielo è terso e completamente buio. Ciò purtroppo è un po’ limitante, dato che in Norvegia spesso il cielo è coperto; tuttavia, durante i mesi che vanno dal tardo autunno all’inizio della primavera, è possibile con un pizzico di fortuna ammirare l’aurora boreale in cielo nelle ore notturne.

Le zone migliori per vedere l’aurora sono quelle più a nord. Le città di Tromso, Alta o Bodo sono la base ideale per i cacciatori di aurora boreale, così come le isole Lofoten o le isole Svalbard. Con una buona dose di fortuna è possibile osservarla anche a Bergen o ad Alesund, mentre a Oslo è un fenomeno estremamente raro.

 

Oslo

La modernissima Opera House a Oslo

Oslo è certamente una delle mete imperdibili durante un viaggio in Norvegia. Quasi sicuramente ci atterrerete, dato che è qui che arrivano gran parte dei voli diretti dall’Italia, e quindi quale migliore occasione per iniziare ad acclimatarsi e a respirare una sana atmosfera norvegese? La città, capitale del paese e area metropolitana più estesa e popolata, è interessante sotto diversi punti di vista. Ci sono infatti numerose cose da vedere tra cui una serie di splendidi musei, tra cui il museo delle navi vichinghe, il museo del popolo norvegese, il museo dedicato al famoso pittore Munch e il parco-museo Vigeland.

Interessante poi la zona di Aker Brygge, il vecchio molo oggi riconvertito in zona dei divertimenti grazie ad un grosso centro commerciale e a numerosi ristoranti all’aperto, situata subito a sud-ovest del centro. Vale la pena visitare la piazza antistante il municipio, con le sue due imponenti torri gemelle in mattoni rossi, e fare una passeggiata lungo Karl Johans Gate, la lunghissima strada dello shopping della città, che dalla piazza della stazione arriva fino al palazzo reale.

 

Bergen

L’inconfondibile skyline di Bergen

Seconda città della Norvegia per popolazione e importanza, Bergen si affaccia sull’Oceano Atlantico, ed è una città estremamente piacevole da visitare. Il Bryggen, ossia un molo su cui si affacciano una serie di edifici commerciali risalenti al periodo della Lega Anseatica, è patrimonio dell’umanità dell’UNESCO sin dal 1979, ed è la principale attrazione della città.

Ma Bergen è anche un perfetto punto di partenza per l’esplorazione dei fiordi occidentali, e punto centrale del famoso Norway in a nutshell, un itinerario classico della Norvegia che consente di visitare in poco tempo alcune delle principali meraviglie del paese.

 

Capo Nord

Il Globo di Capo Nord

Capo Nord è senza alcun dubbio una delle mete da leggenda tra i viaggiatori on the road di tutto il mondo. Situato oltre il 71° parallelo, spesso viene definito il punto più a nord d’Europa, sebbene la definizione sia errata sotto diversi punti di vista. Ad ogni modo Capo Nord è un simbolo, un punto di riferimento importante, e un luogo che tutti i viaggiatori vorrebbero visitare almeno una volta nella vita.

A Capo Nord ci si può arrivare con diversi mezzi di trasporto: non sono pochi quelli che lo raggiungono in auto o addirittura in moto dall’Italia, ma per chi non avesse troppo tempo a disposizione, gli aeroporti di Tromso o di Honningsvag svolgono egregiamente il loro lavoro, e sono due ottime alternative.

Come arrivare in Norvegia

Arrivare in Norvegia non è affatto complicato, e le alternative sono numerose. Gli amanti dei viaggi on the road sceglieranno di sicuro l’auto, attraversando Austria, Germania e Danimarca. Ma una volta arrivati a Oslo, sappiate che se volete arrivare a Capo Nord dovrete fare più strada di quanta non ne avete fatta dall’Italia!

La scelta più rapida, economica ed efficiente per arrivare in Norvegia è quella dell’aereo. Oslo ha due aeroporti, Gardenmoen e Sandefjord-Torp, il primo servito dalle compagnie di bandiera e da Norwegian, l’altro dalle low cost Ryanair e Wizz Air. Con scalo a Oslo è poi possibile arrivare a Bergen, Alesund, Tromso o Bodo, sfruttando comodi voli interni spesso molto economici.

Fuso orario

La Norvegia ha lo stesso fuso orario dell’Italia, sia durante l’ora solare che durante l’ora legale (UTC+1, o CET, che sta per Central European Time).

Prefisso telefonico

Il prefisso telefonico internazionale della Norvegia è +47: per chiamare un numero norvegese dall’Italia dovrete quindi comporre il prefisso 0047 prima del numero da chiamare, senza lo 0 del prefisso locale. Al contrario, se vi trovate in Norvegia e avete necessità chiamare un numero di telefono italiano, dovrete aggiungere 0039 al numero italiano, togliendo lo 0 nel caso in cui dobbiate chiamare un telefono fisso.

La moneta della Norvegia

La moneta della Norvegia è la corona norvegese, in lingua locale krone, abbreviata con la sigla NOK. Il tasso di cambio è piuttosto stabile, ed è circa di 10 corone per 1 euro. La corona è divisa in 100 Øre, ossia i centesimi, tuttavia dal 1 maggio 2012 essi non vengono più utilizzati. In circolazione ci sono monete da 1, 2, 5, 10 e 20 corone, e banconote da 50, 100, 200, 500 e 1000 corone.

Bandiera della Norvegia

La bandiera della Norvegia è rossa, con una croce scandinava in bianco e blu. E’ regolata da una legge del 1927 che descrive l’uso della bandiera sulle proprietà statali, durante le festività nazionali e persino l’orario in cui deve venire esposta: non prima delle 9 del mattino e non dopo il tramonto o dopo le 21:00, in base al periodo dell’anno.

Ci sono addirittura dei regolamenti ben specifici su come dev’essere piegata la bandiera, in modo che non tocchi mai il suolo, e vi è anche una regola non scritta secondo la quale la bandiera norvegese non dovrebbe mai essere indossata al di sotto della vita.

Per la vostra vacanza

Cosa vedere in Norvegia

Cosa vedere in Norvegia

Fiordi, ghiacciai, montagne, colline, isole da cartolina, ma anche città dinamiche e moderne. E' la Norvegia, vero e proprio concentrato di cose da vedere.
Voli per la Norvegia

Voli per la Norvegia

L'Italia è collegata con gli aeroporti di Oslo Gardermoen, Oslo Torp e Bergen grazie a diversi voli diretti dai principali scali italiani.
Dove dormire in Norvegia

Dove dormire in Norvegia

Noleggio auto in Norvegia

Noleggio auto in Norvegia

Vacanze attive in Norvegia

Vacanze attive in Norvegia

Itinerari in Norvegia

Itinerari in Norvegia